Dare cibo ai gatti randagi

Dare cibo ai gatti randagi

può essere un reato



(PubliWeb) Gattari e gattofili di tutto il mondo state in allerta! La giurisprudenza ha innalzato la sua mannaia sulla vostra passione. Potrebbe commettere reato infatti chi dà da mangiare ai gatti randagi del quartiere, avvicinandoli alla proprietà privata di tutti gli altri condomini ed i vicini di casa. Amare gli animali sì, è possibile e lodevole, ma a casa propria o dove non si creano fastidi per nessuno. Perchè bisogna rispettare anche chi ha le finestre sul cortile in cui i gatti sono alimentati.



I rifiuti di cibo, gli escrementi e l'odore stesso degli animali è infatti un immissione intollerabile nell'altrui proprietà e costringe i proprietari a chiudersi in casa con finestre e porte sprangate. Questo è anche un vincolo al libero godimento del proprio appartamento. E nessuno può arbitrariamente limitare l'altrui proprietà. Quindi l'attività di chi attira queste immissioni e queste limitazioni della proprietà, per quanto sia apprezzabile, costituisce pur sempre una molestia punibile dalla legge e vietata per tutti. Meglio spostarsi con le ciotole lontano dal condominio e dalle altrui proprietà. I gatti ve ne saranno ugualmente riconoscenti, ma in più avrete le benedizioni da parte degli altri condomini.


I Link :
randagi in condominio

Benessere

Società

Life Style



4.00 su 5.00 basato su 7 voti.