Loading...


Maltempo in vacanza

Maltempo in vacanza

come farsi rimborsare



(PubliWeb) Sempre dietro la porta è il rischio di trovare solo giornate di maltempo in vacanza. Dopo aver prenotato e pagato la nostra settimana di ferie nella località preferita, ci accorgiamo, tristemente e con amarezza che il posto di vacanza è ricoperto di nuvole minacciose che non accennano a scomparire. E la nostra settimana scorre così nell'impossibilità di farsi bagni e prendere il sole. Tutti sono portati a pensare che si tratti di eventi naturali per cui nessuno ha colpa, ma in realtà qualche rimedio per limitare i danni esiste.



Sicuramente le agenzie di viaggio, gli alberghi e i tour operators tenderanno a negare ogni responsabilità, ma esistono dei principi generali che sono al di sopra persino dei singoli contratti per cui simili danni devono essere ripartiti tra tutti i soggetti coinvolti nell'organizzazione del viaggio.

Certo un rimborso totale non è possibile, perchè gli eventi naturali sono indipendenti dalla volontà dei singoli, ma un buon trenta per cento può farsi ricadere sulle agenzie ed i tour operators che hanno promesso una vacanza coi fiocchi. Con una raccomandata, entro 10 giorni dalla vacanza sfumata ci si può tranquillamente rivolgere alle agenzie ed ai tour operators che altrettanto tranquillamente non risponderanno, ma ci daranno il via libera per rivolgerci al giudice di Pace. Le sentenze si sono moltiplicate numerose, dopo quella del Tribunale di Milano n. 14418 del 16 dicembre 2010, che, in Appello, ha stabilito la risarcibilità del danno per la perdita della possibilità di trascorrere una vacanza, a carico del tour operator.

I Link :
ADUC sos on line
Viaggi
Benessere
Società
Life Style



Loading...
Loading...